WHATSAPP +39 370 3650162

EMAIL info@regalasalute.it

Home / Notizie / Il digitale e l'attenzione

Il digitale e l'attenzione

DATE:June 20, 2020BY:Emanuele Giovannetti

Perché possono creare problemi soprattutto ai bambini

La società moderna offre ai bambini numerose alternative rispetto ai giochi all’aria aperta, tra quelle più popolari ci sono quelle che riguardano la digitalizzazione, come televisione, cellulare, computer, videogiochi.

Questo tipo di passatempo non è di alcun aiuto per migliorare e sviluppare l’attenzione dei bambini, per esempio la televisione produce un sovraccarico di informazioni complesse che a lungo andare compromette la capacità di comprendere la realtà, costringendo il bambino ad abbandonarsi passivamente ai contenuti trasmessi.

La televisione può condurre ad un senso distorto della realtà, inoltre crea isolamento, blocca la comunicazione e non viene stimolato lo sviluppo alla partecipazione.

Esiste una sorta di dipendenza nei riguardi di queste apparecchiature, infatti la sensazione di irritazione che compare quando vengono spenti si chiama fissazione psicologica,  incapacità di alcuni bambini di staccarsi o quantomeno resistere.

La programmazione televisiva, come la struttura dei videogiochi oppure quella dei social network mira a catturare l’attenzione, evitando che lo spettatore o il giocatore cambi canale. Tutto questo provoca un affaticamento mentale, una incapacità a concentrarsi, condizione di meno rilassamento e soddisfazione. Forniscono inoltre fonte di distrazione che non offrono l’opportunità di riflettere.

La naturale attrazione verso i suoni e  luci comincia nei bambini già all’età di 6-8 anni, studi hanno dimostrato infatti che le caratteristiche della programmazione influenzano  le onde cerebrali già da piccoli.  Questo significa che il problema non è il contenuto, ma bensi la forma, incapace di non educare e rigenerare come lo può fare un ambiente naturale.

 

img

Aggiunto al carrello con successo!